Nel mixer trita a bassa velocità le nocciole e lo zucchero, fino a ridurle in farina.

Aggiungi tutto il cioccolato fatto a pezzetti e lavora ancora un po’ a impulsi.

Intanto in un tegame antiaderente versa il latte, l’olio e i semini di vaniglia. Metti sul fuoco bassissimo, gira continuamente e, senza mai arrivare a farlo bollire, aggiungi l’insieme di cioccolata e nocciole e cuoci ancora per 5 minuti, sempre mescolando.

Trasferisci il composto in un barattolo, tappa e, se ci riesci… con- serva in alto, in frigo.

Genialata La Nutella è intoccabile: è essa stessa una genialata. E con questa mia non voglio certo fare concorrenza alla crema di cioccolato gianduja inventata ad Alba, dal signor Michele Ferrero negli anni ’60, quella che ha conquistato il mondo in compagnia della

Coca-Cola. Già, che mondo sarebbe senza Nutella? magari più magro ma sicu-

ramente più triste! Nutella Ricetta segretissima, uno dei prodotti italiani più conosciuti all’estero, al pari di: Ferrari, pasta, pizza, maccheroni, Pausini, Bocelli, Caruso, Domenico Modugno, Berlusconi, papa, gelato, Prada, Valen- tino, Dolce & Gabbana, Armani, pesto, ragù, mafia, agrumi, Leo- nardo, caffè e Campari… si chiama Made in Italy, inimitabile. Cioccolismo È una malattia che colpisce soprattutto le donne, almeno l’1%: crea dipendenza dal cioccolatino, ti scatena una bramosia incon- tenibile. Ne sono affetta perché quando ho della cioccolata in casa non ho pace fino a che non l’ho mangiata tutta, ma almeno i miei radicali liberi sono messi a dura prova! E la scossa che ti dà quando la mangi? Colpa della feniletilamina e teobromina, cugine buone dell’anfeta- mina, tutta roba che si scatena nel cervello degli innamorati. Un pezzo di cioccolata da usare come antidepressivo euforizzante.