Fai sciogliere il burro in un pentolino sul fuoco, a fiamma bassa. Sbriciola i biscotti e versaci il burro fuso. Mescola velocemente con le mani affinché tutto si amalgami e metti il composto a cucchiaiate

negli stampini: premi forte con le dita e passa in freezer. A questo punto poni un pentolino a bollire col latte e i semini di vaniglia. Prima che spicchi il bollore versa il semolino a pioggia e,

girandolo continuamente, fai cuocere 10 minuti. Tira fuori dal congelatore gli stampini e versaci subito, a bollore,

uno strato di semolino che livellerai con un mestolo bagnato. Rimetti nel freezer.

Se hai la fortuna di possedere un tegamino di rame è il momento di usarlo: sul fuoco a fiamma piuttosto bassa, mescolando, sciogli cioccolata e panna. Ritira fuori gli stampini e, sul bianco semolino versa la crema nera cioccolatosa. Sigilla con la pellicola e metti nel frigo per far rassodare la cioccolata.

Genialata Quando mangi la cioccolata non pensare alla bilancia, pensa solo alle tue endorfine che voleranno a mille: nel cacao sono state riscontrate ben 800 componenti attive, stimolanti dei centri del benessere. Una droga buona! Ti conviene scegliere di fare la tortina monoporzione, così gli ospiti se ne mangiano una sola, non chiedono il bis e forse qualcosa ti rimarrà per il giorno dopo…

Nel nostro Paese, anche se non si produce cacao, si fanno alcune delle cioccolate più buone del mondo perché da noi c’è tradizione. “Puro” è la parolina magica: vuol dire che non ci sono grassi vegetali diversi dal burro di cacao. Fondente Almeno il 43% di pasta di cacao col minimo di 26% di burro di cacao e non più del 57% di zucchero. Fondente extra Non meno del 45% di cacao, almeno il 28% di burro di cacao, non più del 55% di zucchero.